Orari Catechismo, ACR e Scout 2018-19

2ª Elementare: I bambini di 2ª si incontrano una domenica al mese insieme ai genitori:   11 novembre 2018; 9 dicembre 2018; 20 gennaio 2019; 17 febbraio 2019; 24 marzo 2019; 14 aprile 2019 (domenica delle Palme); 26 maggio 2019

3ª Elementare: nell’Atrio del Buon Pastore in parrocchia:                                       Martedì e Giovedì 16.30- 18.00

4ª elementare: nell’Atrio del Buon Pastore dalle suore:                                          Martedì e Giovedì 16.30 – 18.00

ACR 5ª elementare: Sabato 15 – 16.30
ACR 1ª media: Sabato 15 – 16.30
ACR 2ª media: Sabato 15 – 16.30
I gruppi di ACR si incontrano nelle aule ACR

ACR 3ª media: Sabato 15 – 16.30 
———————————————————————————————————
SCOUT: sabato 15/ 17.30

il gruppo dell’ACG (ragazzi delle scuole superiori) si incontra tutti i venerdì alle 21.
(nella saletta vicino alla segreteria).

Per avere informazioni dettagliate sulle proposte di catechesi/ ACR/ Scout rivolgersi a don Giovanni o alla segreteria parrocchiale

Campeggi parrocchiali per bambini e ragazzi

Anche quest’anno la parrocchia propone a bambini e ragazzi l’esperienza del campeggio estivo.
Questa esperienza non consiste solo in un’allegra e distensiva vacanza in luoghi molto belli, ma rappresenta una valida proposta educativa. E’un’occasione privilegiata per fermarsi,lontano dal trambusto della città e recuperare il rapporto con la natura,l’amicizia con gli altri e con Dio.
Per ogni bambino o ragazzo, la condivisione di vita, il dialogo e l’amicizia, diventano occasioni per conoscere se stesso, per mettersi in gioco e arricchirsi.

UN CAMPO NON SI DIMENTICA E LASCIA SEMPRE UN SEGNO! :)

 >>>>> Campeggio elementari (2^-5^): a Torriana da domenica 9 a sabato 15 luglio

>>>>>Campeggio medie (1^ e 2^): a Sant’Alberto di S. Sofia (FC) da domenica 16 a sabato 22 luglio

Campeggio 3^ media e superiori: in valle di Cadore da sabato 2  a sabato 9 settembre

Informazioni e iscrizioni in segreteria dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12,30.

Giornata fantastica!! L’ACR a Riccione, in piazzale Ceccarini

Sabato 30 Aprile per noi ragazzi dell’Acr è stata una giornata meravigliosa, perché abbiamo vissuto insieme a tutti gli acierrini della nostra Diocesi il momento finale dell’anno associativo: la festa degli incontri.

Abbiamo raggiunto Riccione con il treno: breve viaggio, ma bello e significativo, proprio perché il tema dell’anno per noi ragazzi dell’Acr è stato scoprire la bellezza dell’incontro con gli altri immaginando di compiere un viaggio in treno, con al nostro fianco un compagno insostituibile, Gesù.
Appena arrivati alla festa in piazza ci siamo subito scatenati ballando e cantando insieme agli altri ragazzi e ragazze delle diverse parrocchie di Rimini. Alla fine delle danze ci siamo riuniti e un simpatico ragazzo, Checco, ci ha spiegato i giochi.
Successivamente abbiamo iniziato a divertirci giocando a staffette in diverse parti della piazza coinvolgendo passanti e abitanti, chiedendo loro un’idea e un parere sui comportamenti che ognuno di noi può tenere per migliorare la città in cui viviamo.
Pensavamo fosse un ostacolo relazionarci con le persone che passeggiavano per il centro di Riccione, ma superato il timore iniziale, abbiamo scoperto che non siamo certo un paese di “vecchi”: siamo tutti un po’bambini dentro, basta trovare il lato giusto!!
Per dividerci in squadre ci è stato dato un ticket con su scritto il nome della squadra e la frase “CORRESPONSABILI DEL BENE COMUNE”; tutti insieme, giocando, abbiamo scoperto le opere e le persone che hanno lasciato un segno nel nostro territorio, Rimini e dintorni; l’obiettivo era uno solo: aiutarci a riflettere sul ruolo di ognuno, come singolo e come comunità , per essere parte attiva nella tutela del bene comune, a partire dal rispetto dei luoghi e dell’ambiente in cui viviamo ogni giorno.
Infine abbiamo recitato una preghiera collettiva insieme a don Raffaele ripetendo a noi stessi la nostra voglia di dire sì, proprio come ha fatto Maria. Siamo tornati a casa rinnovati dall’ esperienza vissuta e pronti a riconoscere la novità e il bello che ci circonda ogni giorno!

Chiara Curzi e Sara Gambetti

Il calore di un incontro

I ragazzi del gruppo ACG hanno incontrato gli ospiti del “Sottomarino Giallo”

Il percorso di Azione Cattolica di quest’anno ha avuto come fulcro l’icona biblica dell’incontro di Maria con Elisabetta: una partenza veloce per un incontro ed un annuncio.. “L’anima mia magnifica il Signore …” Fedeli a questa immagine evangelica, noi educatori dell’ACG abbiamo pensato per i ragazzi diverse opportunità di incontro, tra loro e con alcune realtà locali. Sicuramente la più entusiasmante è stata quella con gli ospiti del “Sottomarino Giallo” di Viserba.

Ce ne parla Gianluca:

Venerdì 11 marzo con il nostro gruppo dell’ACG siamo andati a visitare la casa del Sottomarino Giallo, casa che ospita 13 ragazzi, di età media tra i 18 e 32 anni,  scappati  dalla guerra e in attesa dei documenti .

Al nostro arrivo ci hanno accolto con grande calore e, insieme ai loro educatori Elisa e Stefano, ci hanno raccontato la fuga dal loro Paese, il loro arrivo in Italia e come vivono ora le loro giornate. Molti di loro sono Gambiani, uno proviene dall’Algeria e uno dall’Afghanistan. Quasi tutti parlavano inglese e solo il ragazzo algerino parlava francese. Parlavano anche il loro dialetto e alcuni di loro conoscevano fino a 4 lingue! Ora stanno studiando anche l’italiano. Dopo aver conversato a lungo, prima della cena, hanno cantato e suonato per noi i loro tamburi. E hanno fatto le loro danze: un ragazzo ha invitato a ballare a me e ad una mia amica … è stato troppo divertente!  Durante la cena abbiamo mangiato un loro piatto tipico  – in realtà era solo per loro, ma hanno insistito per condividere come fanno i veri amici – e abbiamo continuato a chiacchierare tra noi (…non ho mai parlato così tanto in inglese e francese in tutta la mai vita!).

Ci hanno raccontato che la mattina vanno a scuola di italiano a Rimini in centro, chi con l’autobus, chi in bicicletta, mentre il pomeriggio lo trascorrono a casa guardano la tv, ascoltando musica o facendo qualche lavoretto proposto dagli educatori. I loro educatori ci hanno spiegato che è molto importante che imparino a fare dei lavori, a darsi da fare: infatti coltivano un piccolo orto, cucinano insieme e hanno anche imparato a fare la piada e le tagliatelle! Fanno anche alcune uscite: un giorno li hanno portati in  Carpegna dove hanno visto la neve per la prima volta.

A fine serata ci siamo salutati con una nuova parola – ”suidodia“ – che significa ‘buonanotte’ nel  dialetto della loro tribù. E’ stato difficile salutarci…  non volevano farci venire via! Siamo stati davvero molto bene insieme, come tra amici che si conoscono da tanto …

Una bellissima esperienza che ripeterei molto volentieri!!

Gianluca Latorre